Crea sito
 
AasA
ASA
 

 

A

 

Antonino Di Raimo - François Roche, Eresie macchiniche e architetture viventi di New-Territories.com, Edilstampa, Editrice dell’ANCE, 2014 IT REVOLUTION IN ARCHITETTURA - collana diretta da Antonino Saggio

Nuove protesi architettoniche. Neuroni-script generanti la mente-rete

Nel volume di A. Di Raimo, l’eresia(1) è legata ad una concezione profondissima che rapporta rivoluzionalmente l’architettura di N.T(2) al sistema dei viventi. N.T.  è in simbiosi con l’informatica, la robotica, la psicologia, la biologia dichiarando un vincolo di conversazione mutevole, saltuario, percettivo e interattivo con una natura sospetta da sondare e apportare strategie di difesa-relazioni. Il libro analizza in maniera critica i diversi attori del pensiero e progetto di N.T. offrendo una panoramica esaustiva della loro visione come in I’ve heard about (3), si enfatizza lo scambio, la transazione, il costante mutamento tra architettura, esseri viventi e macchine. Gli abitanti producendo informazione influenzano l’architettura. Le informazioni-molecole, intercettate dalla struttura architettonica, e, analizzate da uno spettroscopio, rivelerebbero le intenzioni degli abitanti attraverso un algoritmo, inerendo la robotica (4) in un sistema dinamico, cangiante e probabilistico. I fruitori hanno carattere inclusivo, (psico)attivo, come nuove protesi architettoniche. Si è innescata una nuova koinè. Neuroni-script generanti la mente-rete.

AX<Z

 I’ve heard about. 3d model

Green Gordon, un museo in un’ambiente lacustre, si innesta attraverso un algoritmo nella paesaggio. Spidernethewood, è utilizzata per dare alloggio alla vegetazione che la ricoprirà nel tempo. Con I’mlostinParis, il tema passa all’ambiente urbano. In Mosquito Bottleneck l’alloggio, morfologicamente progettato anche sulla base di tradizioni locali, è ambiente di vita per gli abitanti, protezione dalle zanzare e distruzione delle stesse.

 

AS <ZX <ZX

__________________Green Gordon__________________I’’mlostinParis___________Mosquito Bottleneck

 

In Dustyrelief, il concept del museo di arte contemporanea parte da un dato negativo: l’inquinamento. N.T. progetta una struttura elettrostatica in grado di catturare il pulviscolo e innescare un meccanismo che dal caos (polveri) porta ad un ordine del e nel contesto. (Un)Plug, edificio composto da dispositivi in grado di captare energia per la sua sussistenza può staccarsi dalla rete elettrica.

<Z <X

Dustyrelief______________________________(Un)Plug

 

Waterflux museo partecipe delle stagioni, ghiaccia durante l’inverno rivelando uno specchio d’acqua in estate. L’Hybrid Muscle, è un museo dove, oltre all’economicità dei materiali utilizzati, l’energia utile è prodotta dal movimento di un bue che pascola all’esterno dell’edificio. Architettura-fisica-astronomia: Thebuildingwhichneverdies, un laboratorio per test sull’adattamento dell’occhio umano al buio. La forma, la posizione e l’illuminamento dipendono dalla Luna, e dalla forza di gravità attrattiva.

 

Z> X

Waterflux__________________________________________________Hybrid Muscle

 

Z<

Thebuildingwhichneverdies

 

Nel paradigma affrontato da N.T., e interpretato da A.Di Raimo, l’informazione sono IO (abitante) che collaboro vitalmente con tutto ciò che non è la mia sostanza corporea. La realtà nuova così formata da uomo-natura mediata da caratteri scientifici-psichici si espliciterebbe in maniera impattante grazie alle nanotecnologie e alla robotica. In questo modo ci sarebbe l’istantanea messa in pratica delle volontà degli abitanti attraverso l’Informazione delle attività neuronali. L’idea di una collaborazione fissa uomo-natura, mediata dall’utilizzo di sistemi macchinici, trasforma la crisi in valore. L’incessante bisogno di legami col territorio fanno sì che quest’opera di divulgazione scientifica possa segnare uno spartiacque poiché il pensiero di usufruire di un sistema vivente, produttivo, ordinatore e rigenerante farebbe scaturire nuove dinamiche di progettazione e utilizzo. Anzi, sarebbe il tempo che non solo il corso di ITCAAD proponesse tali tematiche ma anche altre materie, tutte, poiché si sta vivendo una crisi e acquisizione di valori continui attraverso l’Information Technology.

Carmelo Radeglia

 

(1)  eresia, dal greco αἵρεσις «scelta», ha due accezioni estensive e figurate: idea contraria all’opinione comunemente accettata; grosso sproposito, richiesta esagerata;

(2) abbr. di New Territories il gruppo di F. Roche;

(3)  procedendo da G. Deleuze (G.Deleuze e F. Guattari, Mille piani. Capitalismo e schizofrenia (1980), sez. 1, Castelvecchi 1997, p 33 sgg.). […] Con il termine rizoma (rizhome) i francesi Deleuze e Guattari intendevano un particolare modello semantico da opporre a tutti i modelli basati sulla concezione di albero (imperanti in tutte le discipline, dalla linguistica alla biologia). Il modello ad albero prevede una gerarchia, un centro, e un ordine di significazione. Nell'albero i significati sono disposti in ordine lineare. Invece, secondo gli autori, a differenza degli alberi o delle loro radici, il rizoma collega un punto qualsiasi con un altro punto qualsiasi, e ciascuno dei suoi tratti non rimanda necessariamente a tratti dello stesso genere, mettendo in gioco regimi di segni molto differenti ed anche stati di non-segni. (…). Rispetto ai sistemi centrici (anche policentrici), a comunicazione gerarchica e collegamenti prestabiliti, il rizoma è un sistema acentrico, non gerarchico e non significante. […];

(4) N.T. ha avuto l’intuizione e il merito di progettare il primo robot per l’architettura, il VIAB, che, sulla base delle richieste, può modificare qualsiasi elemento dell’architettura in loco grazie a degli algoritmi.

.

http://www.new-territories.com/

http://www.inventati.org/zoninoz/html/index.php?module=text&aid=20

http://www.new-territories.com/blog/

http://scriptedbypurpose.wordpress.com/participants/rsie-francois-roche/

 

TC